Skip to Content
Antichi mestieri

Antichi mestieri in Toscana: la Società Pesciatina d'Orticoltura

10 gennaio 2018 | 08:00
 


La Società Piesciatina d'Orticoltura fu fondata nel 1932 per produrre piante da vivaio e da fiore. Nel 1950 diversifica la produzione, in una superficie a vivaio di 10 Ha, e nel 1959 in collaborazione con l'Università di Firenze, mette a punto la tecnica di propagazione per talea, divenuta poi, uno standard internazionale.

Negli anni ‘70 la Spo diventa monoculturale, cioè solo piante di olivo fino a tre anni per l'Italia e per l'estero (per Croazia, Giappone e nazioni di ogni continente).

 

Il sistema di produzione segue due tecniche:

  • l'autoradicazione delle talee semilegnose: la tecnica più semplice. Purtroppo non tutte le cultivar di olivo si adattano a questo metodo di propagazione. Molte varietà, infatti, sono incapaci di radicare. Solo le ottime talee radicate vengono trapiantate in vaso ed iniziano l'iter di crescita che porta alle piante finite;
  • l'innesto su semenzale di olivo: i noccioli di alcune varietà di olivo vengono separate dalla polpa delle olive, lavati e ripuliti. Asciugati, cerati e a fine agosto seminati in ambienti idonei. A fine dicembre sono quasi tutti germinati. L'innesto si effettua nel mese di aprile quando le piante si trovano in "succhio".

 

Contatti:
www.spoolivi.it
info@
spoolivi.it

 

 


  • Condividi
  • Condividi
Web Content Display
 
14 marzo 2018 inaugurazione Pizza al Parco
 
La ricetta de La Conserveria per promuovere l'occupazione utile
 
Inaugurazione Osteria Il Giardino dei Semplici Onlus